salta la barra  Po-Net  Cultura a Prato  Prato Arte e Storia  Itinerari in città  Palazzo Datini
progetto cofinanziato da
Unione EuropeaMinistero dell'Interno
Fondo europeo per l'integrazione di cittadini di paesi terzi
Po-Net
 indietro
Itinerari in città

Palazzo Datini

Il Palazzo Datini fu l'abitazione del celebre mercante Francesco di Marco Datini (Prato 1335-1410).
Il primo nucleo del palazzo fu una casa acquistata dal Datini nel 1354 e immediatamente sottoposta a grandi lavori di ristrutturazione.

Intorno al 1390 fu affidata al pittore Niccolò di Piero Gerini e alla sua bottega la realizzazione di gran parte della decorazione pittorica ad affresco degli interni.
A questo artista dobbiamo il San Cristoforo (1394) e il ciclo di affreschi dipinti nella corte. Nello stesso periodo le sale vennero decorate da artisti come Agnolo Gaddi, Niccolò Gerini, Bartolomeo di Bertozzo e Tommaso del Mazza.

Il prospetto principale è lungo via Ser Lapo Mazzei e dal portone si accede a un corridoio che introduce nella sala delle udienze. Sul fondo si trova il cortile con pozzo e un portico a due navate.
Il secondo portale su via Ser Lapo Mazzei dà accesso all'Archivio di Stato dove sono conservati degli importanti fondi archivistici e l'intero Archivio Datini, il più ricco e completo di corrispondenza e di registri mercantili esistente al mondo, fonte basilare della storia economica del tardo Medioevo.

Data ultima revisione dei contenuti della pagina: 25.05.2016
 indietro  inizio pagina